facebook
Circa Sri Lanka

Popolazione

Popolazione

Con più di 20 milioni di abitanti, lo Sri Lanka è relativamente popolato rispetto alla sua superficie. Il paese è giovanissimo basti pensare che l’età media si aggira intorno ai 15 anni. Numerose etnie coabitano sull’isola da secoli : i Cingalesi rappresentano 70% della popolazione dell’isola, in maggior parte buddisti. Circa il 20% della popolazione è Tamil ed il resto è diviso tra Mori (musulmani) e i Burger (cristiani). I burger sono gli eredi dei coloni portoghesi ed olandesi, in gran parte emigrati verso il Canada o l’Australia dopo l’indipendenza. Per la maggior parte dei Burger la lingua principale è l’inglese. I Cingalesi e i Tamil invece usano un linguaggio proprio.

Gastronomia

Gastronomia

Il “rice and curry” è il piatto nazionale dello Sri Lanka: un’ abbondanza di vari tipi curry, mischiati con carne, pesce, verdura e frutta. Ogni regione ha il proprio curry, spesso molto speziato! La noce di cocco viene usata in tantissimi modi: il latte viene versato nel curry, la polpa viene grattugiata nelle gallette, l’olio è usato per cucinare, viene fermentata per fare alcool e l’acqua bevuta per le sue proprietà benefiche. Un incantesimo di frutti e verdure esotici da scoprire durante tutto l’anno, senza dimenticare l’abbondanza di pesci e i frutti di mare, regali dell’oceano indiano... La bevenda nazionale è il tè che si beve tradizionalmente nello Sri Lanka con zucchero e latte.

Feste e festival

Feste e festival

La maggioranza delle feste che si svolgono nello Sri Lanka sono legate alla religione. La più famosa è il festival buddista di Esala Perahara a Kandy che si svolge ogni anno tra luglio ed agosto, a seconda il calendario lunare e che, con le sue sfilate di ballerini tradizionali ed elefanti scintillanti, incanta grandi i piccini. Le feste tamil sono anche molto colorate. Il capodanno cingalese e tamil, nel mese di aprile, è un appuntamento imperdibile per gli abitanti dello Sri Lanka. In tutto il paese si susseguono periodicamente vari festival di diversa natura: il festival letterario a Galle a gennaio, il festival di jazz in Mount Lavinia a giugno, la competizione di surf ad Arugam Bay a luglio... Ed è soltanto l’inizio!

Storia

Storia

Dall’arrivo dei primi insediamenti umani, 30 000 anni fa, la popolazione dello Sri Lanka ha subito varie influenze, in particolare da parte della vicina India. Le rovine degli antichi regni di Anuradhapura (che durera 700anni) , Polonnaruwa e Kandy testimoniano la magnificenza di queste civiltà. Le invasioni europee dal Seicento hanno influenzato in modo forte il paese. Data la sua posizione strategica, è stata dominio prima dei Portoghesi, seguiti dagli Olandesi e infine gli Inglesi all’inizio dell’Ottocento. La di Ceylan è stata dal 1815 al 1946, anno della sua indipendenza, una colonia britanica.
Nel 1972, diventa una Repubblica e prende il nome di Sri Lanka, che letteralmente significa “Isola splendida”. Negli anni successivi il paese soffrì per una grande instabilità politica che portò ad una guerra civile che oppose per 25 anni il governo al movimento delle Tigre della liberazione dal Tamil Eelam. Nel 2007, venne finalmente siglata la pace in tutte le provincie dell’est e, due anni dopo, il governo ha ripreso saldamente il controllo del paese ritrovando così la sua stabilità.

Clima

Clima

Clima


Il clima nello Sri Lanka è tropicale con una temperatura media compresa tra 25°e 32°C, ad eccezione delle montagne situate al centro del paese, dove l’aria è più fresca e, dove in certi periodi è possibile persino incontrare gelate mattutine.
Si alternano nello Sri Lanka una stagione arida ed una stagione umida: nell’est del paese le piogge si concentrano normalmente nei sei mesi da novembre ad aprile mentre da maggio ad ottobre nella parte ovest e al sud. Vista la particolare e favorevole alternanza dei monsoni in Sri Lanka si possono trovare belle giornate per 365 giorni all’anno.

Geografia

Lo Sri Lanka è un paradiso in termini di paesaggi e biodiversità. Questo piccolo territorio (65 000km²), propone un grande rilievo. Attraversando la catena montuosa situata al centro del paese immersi tra le nebbiose piantagioni di tè e i selvaggi tratti di giungla è possibile arrivare fino a vette che sfiorano i 2500 metri di altitudine! 200km a nord, il clima è più arido e a tratti desertico. Gran parte del paese è costellato di risaie, circondate da numerose foreste di palme. Nei 1340 km di costa sabbiosa è facile imbattersi in piccole calette appartate che si alternano con lunghe spiagge di sabbia.

Religione

Il paese offre un ricco mosaico di religioni. La prossimità con l’India ha fortemente influenzato l’isola, di fatto il buddismo è la religione principale (praticato circa dal 70% della popolazione), seguito dall’induismo (15% della popolazione), il cristianesimo e l’islam (entrambi 7.5% della popolazione). Le comunità musulmane sulle zone costiere dell’isola furono anticamente fondate da i numerosi commercianti arabi che attraversavano quelle acque. Il cristianesimo invece fu introdotto dai coloni portoghesi a partire dal 1500. Le numerose pratiche religiose scandiscono il ritmo di vita della maggior parte della popolazione, in particolare nelle zone rurali.

Copyright ShantiTravel - 2016 - All Rights Reserved